Cop21 si avvicina ed in tutto il mondo si susseguono incontri ed assemblee per aumentare le file dell'esercito 'anti-climatechange', così anche Obama ha riunito alla Casa Bianca i principali global brand americani, nel video un estratto dell'incontro

VIDEO: La carica degli 81 – Obama riunisce i global brand contro il cambiamento climatico

Washington DC – Si sono riunite alla Casa Bianca 81 tra le maggiori aziende statunitensi che si uniranno, su invito del Presidente Obama, all’American Business Act on Climate Change per scendere in campo contro il cambiamento climatico, mostrare il loro impegno è avere un’influenza positiva sugli accordi di Parigi, affinché si concludano nella maniera migliore e garantiscano un futuro più sostenibile e con meno combustibili fossili.

Tra le aziende partecipanti figurano i più famosi global brand tra cui: American Express, Apple, Coca Cola, Dell, Facebook, General Motors, Google, IBM, IKEA USA, Intel, Johnson&johnson, Kellog’s, Levi Stauss&co, Mars, McDonald’s, Microsoft, Monsanto, Nike, Nestle, Pepsi-Co, Procter &Gamble, Siemens, Sony, Starbucks, Unilever  e Walt Disney Corporation. La sottoscrizione e la partecipazione  all’azione da parte delle compagnie significa impegnarsi a ridurre del 50% le emissioni, risparmiare l’80% dell’acqua, raggiungere l’obiettivo ‘rifiuti zero’ e quello del totale approvvigionamento attraverso fonti rinnovabili, limitare la deforestazione.

Le 81 aziende in questione rappresentano solo il nucleo iniziale dell’azione, il Presidente Obama, infatti, ha in mente di estendere la base dell’accordo il più presto possibile. Secondo il Governo Americano il cambiamento climatico è una sfida che richiede l’impegno di tutti, il piano è quello di tagliare circa sei miliardi di tonnellate di emissioni entro il 2030.

Implementare l’efficienza energetica, tagliare gli investimenti sul carbone, rendere l’energia solare più accessibile sono i tre punti su cui si fonda il piano energetico del Presidente Obama, che così commenta l’incontro con le aziende su Twitter:

 

un estratto dell’incontro:

Per approfondire: clicca qui

Leave a Reply