VIDEO: Spreco Alimentare – arriva la proposta di legge negli USA

Il New York Times ha annunciato la proposta di legge americana contro lo spreco alimentare. Negli scorsi giorni anche il Ministro dell’Ambiente italiano Gian Luca Galletti è intervenuto sul tema, sottolineando non solo l’aspetto dello spreco, ma anche la questione economica ad esso associata che consiste in una perdita di 12,6 miliardi di euro l’anno solo nel nostro paese.

Gli USA si preparano ad affrontare il problema attraverso una Normativa Federale che tratta lo spreco alimentare lungo tutta la catena di produzione e distribuzione. In questo senso la differenziata ha un ruolo chiave per il recupero “locale” tramite compostaggio domestico e la maggiore consapevolezza del problema da parte della popolazione, come sottolineato dal Consorzio Italiano Compostatori.

La proposta è stata presentata da Chellie Pingree una deputata del congresso americano, che afferma: ” il 40% del cibo in America viene buttato. Ci costa soldi, fa male all’ambiente e significa che in futuro crescerà la fame nel mondo”

La sua proposta di legge investe a diverso titolo ristoranti, istituzioni come le scuole consumatori e fattorie.

Per quanto riguarda I consumatori la proposta è quella di riformare il modo in cui sono assegnate le diciture “da consumarsi preferibilmente”. Molti prodotti infatti continuano ad essere perfettamente commestibili, ben oltre la data indicata.

La Pingree intende agire anche sulla questione delle donazioni, incoraggiando I contadini ed I retailers a donare i cibi “brutti” esteticamente o quelli in via di scadenza che non possono più essere venduti, pur essendo commestibili. Si intende anche riformare le politiche per i pasti scolastici introducendo più frutta e verdura, aumentando in questo modo i volumi di vendita dei contadini.

Diminuire lo spreco di cibo, significa tendere una mano alle fasce più deboli della popolazione, secondo le stime se si riducesse del 15% il cibo gettato negli USA, si potrebbero nutrire 25 milioni di americani indigenti.

Leave a Reply