logo-web

#SaveTheArtic : l’Assemblea del Circolo Polare Artico si riunisce in Islanda

REYKJAVIK  La conservazione dell’Artico è un tema ambientale, geopolitico ed energetico da cui dipende molto del futuro del pianeta. Attorno alla questione, in uno degli ultimi incontri che precedono la conferenza di Parigi, si riunisce in questi giorni (16-18 ottobre) l’Assemblea del Circolo Polare Artico presso l’Harpa Conference Center di Reykjavik.

L’incontro punta a dare evidenza a nuove proposte politiche e piani per la gestione sostenibile delle risorse energetiche dell’Artico e per la conservazione della zona, per questo si riuniranno oltre 1500 persone provenienti da 50 paesi diversi, tra cui figurano moltissimi leader politici da tutto il mondo, centinaia di scienziati e rappresentati di aziende che hanno interessi economici nella regione.

I TEMI – L’Artic Circle Assembly è una onlus, nata nel 2014 sotto l’impulso del governo islandese per raccogliere e sintetizzare le proposte politiche in grado di migliorare la situazione del circolo polare artico. A Reykjavik si discuterà di riscaldamento globale, scioglimento dei ghiacciai, gestione sostenibile delle risorse naturali provenienti dall’Artico, ma anche di nuove rotte navigabili e diritti delle popolazioni indigene che abitano la regione.

PERMAFROST – C’è grande attesa per le presentazioni degli studi di alcuni istituiti di ricerca di rilievo mondiale sulla conservazione del permafrost, un terreno permanentemente ghiacciato, tipico delle regioni nordiche, molto sensibile al cambiamento climatico e molto ricco di gas. Si stima addirittura che sotto il permafrost sia presente una quantità di carbonio pari a quasi il doppio di quella presente in atmosfera, che in caso di disgelo sarebbe liberata con conseguenze gravissime per il pianeta. Per tanto, è necessario arrivare a soluzioni politiche ed accordi internazionali che puntino a contenere il cambiamento climatico e l’utilizzo di combustibili fossili al fine di preservare il permafrost prima che sia troppo tardi.

Data la necessità di trovare rimedi immediati, l’Assemblea si riunirà ogni anno in autunno in Islanda, mentre sono previsti forum in tutto il mondo per tenere viva l’attenzione sul tema.

Leave a Reply