co2

Quanta CO2 emettiamo per produrre energia?

Si avvicina COP21 e come ogni anno l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) ha pubblicato i dati ufficiali sulle emissioni di COche derivano dal settore energia, settore che rappresenta i due terzi delle emissioni globali di gas serra.

L’intento della pubblicazione di quest’anno è quella di fornire ai decision makers una base di dati concreti e di suggerimenti per raggiungere obiettivi di maggiore spessore che parteciperanno al vertice sul clima. Il documento si sofferma sull’India, in particolare sugli impatti che lo sviluppo economico della nazione sta avendo a livello globale, ma anche sulla Cina e sugli altri paesi del Sud Est asiatico.

Di seguito i punti fondamentali del rapporto secondo Assoelettrica:

 Tra il 2012 e il 2013 le emissioni sono cresciute del +2,2%, comunque al di sotto della crescita media registrata dal 2000 in poi (+2,5%), le emissioni totali nel settore energia nel 2013 sono state pari a 32,2 miliardi di tonnellate di CO2. L’Agenzia rimarca che tutto l’incremento nella CO2 emessa (0,7 miliardi di t) è dovuto alle economie emergenti.

La nuova analisi dei dati mostra che le emissioni delle economie emergenti sono cresciute del 4 %, in gran parte a causa di un aumento del consumo di carbone (come si vede nell’immagine in evidenza), mentre non vi è stato alcun cambiamento nelle emissioni dei paesi più sviluppati dove le minori emissioni relative ad un calo dell’utilizzo di petrolio sono state quasi perfettamente compensate da un maggior utilizzo di gas naturale. Due terzi delle emissioni globali sono provenienti da appena dieci paesi equamente divisi tra economie emergenti e economie più sviluppate, con la Cina e gli Stati Uniti che da soli rappresentano emissioni per 14,1 miliardi di tonnellate di CO2. Il valore delle emissioni cinesi potrebbe poi dover essere aumentato del 10% circa a causa della sottostima sul carbone consumato negli ultimi anni, cosa di cui abbiamo parlato nel post di ieri.

Se si considerano le emissioni pro capite di energia quelle della Cina sono pari a poco più di due quinti di quelle degli Stati Uniti, anche se si stanno muovendo in direzioni opposte, i nuovi dati IEA indicano che le emissioni Usa pro-capite sono diminuite del 16% dal 1990 mentre quelle della Cina sono triplicate, come è salito il suo prodotto interno lordo pro capite, per ambedue i paesi c’è stato tra 1990 e 2013 un calo dell’intensità carbonica.

consulta il rapporto

Leave a Reply