asscociazione dei comuni virtuosi

“M’illumino di meno”, l’Associazione dei Comuni Virtuosi aderisce all’iniziativa

Ancona – In occasione del decimo anniversario di “M’illumino di meno” promosso dalla trasmissione di RADIO 2 “Caterpillar”, l’Associazione Comuni Virtuosi ha deciso di lanciare in contemporanea un’iniziativa a favore del risparmio energetico e del benessere delle comunità locali.Grazie alla collaborazione con Velux Italia, partner dei Comuni Virtuosi, sono state redatte nei mesi scorsi le “Linee guida per la diffusione della luce naturale”, una serie di regole, indicazioni progettuali e suggerimenti, finalizzate a favorire nelle nuove edificazioni e nelle ristrutturazioni edilizie l’uso della luce naturale da sostituire a quella artificiale.Nella settimana di “M’illumino di meno”, una quindicina di comuni (con l’obiettivo è far aderire tutti i 74 comuni soci entro l’anno) della rete sparsi su tutto il territorio italiano (alcuni esempi Olivadi – CZ, Traversetolo – PR, Casola Valsenio – RA, Camigliano – CE, Villa Verde – OR, Cassinetta di Lugagnano – MI) adotteranno le linee guida ufficialmente, nei propri regolamenti urbanistici edilizi.miluminodimeno

L’importanza della luce naturale – “In questi mesi poi – ha spiegato Marco Boschini coordinatore dei Comuni Virtuosi – , stiamo promuovendo gratuitamente corsi di formazione rivolti ad amministratori locali (sindaci, assessori, consiglieri comunali), funzionari degli enti locali, professionisti (geometri, architetti…) per spiegare l’ABC della progettazione con la luce naturale. Le prossime edizioni sono previste a Corchiano  e Monsano “.L’uso della luce naturale in sostituzione di quella artificiale è importante per abbattere i consumi energetici e ridurre quindi la dipendenza dalle fonti fossili. Ma migliora al contempo il benessere delle persone che usano e vivono gli spazi realizzati seguendo le indicazioni delle linee guida. Alcuni esempi e numeri: nelle scuole illuminate con abbondante luce naturale gli studenti apprendono tra il 20% e il 26% più velocemente e ottengono valutazioni tra il 7% e il 18% più alte rispetto alle scuole con illuminazione standard. Nella vendita al dettaglio la presenza di abbondante luce naturale può portare a un aumento del 40% delle vendite rispetto ad ambienti illuminati artificialmente. Studi recenti hanno evidenziato che una ridotta esposizione alla luce naturale contribuisce a creare stanchezza, depressione ma anche aggressività; diminuisce la funzione immunitaria e agisce sulla malinconia nonché sulla perdita di tono e forza muscolare.

Leave a Reply