dissestoitalia

Legambiente presenta #DissestoItalia, primo webdocumentario sul rischio idrogeologico in Italia

Roma – Giovedì 6 febbraio alle ore 11 presso il Tempio di Adriano, Piazza di Pietra, Roma, Legambiente presenterà il webdocumentario multimediale #DissestoItalia, dedicato al rischio idrogeologico.  L’idea di #DissestoItalia, nasce dalla voglia di raccontare cos’è oggi il rischio idrogeologico in Italia, cosa significa e come governarlo. Come rendere più sicure città e paesi. Come tutelare il nostro territorio e anche il nostro patrimonio culturale. Ricostruire il dramma di chi vive ogni giorno con la paura di vedere la propria casa e la propria vita a rischio per colpa della mancata prevenzione, dell’abusivismo o della burocrazia che rallenta le opere di messa in sicurezza. #DissestoItalia, il primo documentario multimediale pensato per il web sul tema del rischio idrogeologico, è il risultato di un reportage di tre mesi attraverso i luoghi simbolo del dissesto, da quelli colpiti più di recente a quelli già dimenticati ma ancora a rischio per gli abitanti.dissesto italia1

Progetto rivoluzianario – Il progetto nasce da una partnership tra l’Associazione dei costruttori edili, Legambiente, l’Ordine degli architetti, quello dei geologi, i giornalisti indipendenti di Next New Media. #DissestoItalia può essere considerato il più importante lavoro d’inchiesta multimediale realizzato in Italia per ampiezza, per grado di approfondimento e per l’impiego di programmi e software d’avanguardia. Il WebDoc contiene circa 50 video, circa 150 foto, documenti di approfondimento e infografiche interattive realizzate per l’occasione. Parteciperanno alla presentazione il Ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, il presidente di Ance Paolo Buzzetti,  il presidente del Consiglio nazionale degli architetti Leopoldo Freyrie, il presidente del Consiglio nazionale dei geologi Gian Vito Graziano e Sergio Rizzo, giornalista del Corriere della Sera.

#DissestoItalia anteprima

Leave a Reply