L'agricoltura ha dei nuovi alleati: i droni

L’agricoltura ha dei nuovi alleati: i droni

ROMA – La rivoluzione del mondo agricolo comincia dai droni. Torna nella capitale “Roma Drone Conference”, il nuovo ciclo si apre con la conferenza “Droni in agricoltura”, un appuntamento fissato al prossimo 28 gennaio, presso l’Atahotel Villa Pamphili.

LA NUOVA FRONTIERA DELL’AGRICOLTURA – Dal monitoraggio delle coltivazioni, agli interventi di precisione su particolari aree, o addirittura su singole piante. Dopo i test eseguiti in Islanda, per valutare l’utilizzo dei droni anche in territori soggetti a rischio sismico, o ad altri rischi geologici quali frane e vulcani, come accadrà questa primavera sull’isola di Santorini in Grecia, i droni saranno la nuova frontiera dello sviluppo nel settore agricolo.

IL CONVEGNO ORGANIZZATO A ROMA – I vantaggi? Costi inferiori, tempi più ridotti e maggiore sicurezza, tutte tematiche che veranno affrontate nel corso della conferenza di “Droni in agricoltura. Nuove soluzioni tecnologiche per monitoraggio e interventi di precisione nelle coltivazioni”, organizzato dall’associazione Ifimedia e da Mediarkè.

TRA LE DIECI TECNOLOGIE APPLICATE EMERGENTI – Secondo gli organizzatori, in Giappone, per le attività di “spraying” sulle risaie, sono già utilizzati 2.500 droni ad ala rotante. E per la prestigiosa MIT Technology Review, i droni agricoli sono una delle dieci tecnologie applicate emergenti. Alla conferenza prevista il 28 gennaio a Roma interverranno i massimi esperti italiani del settore, che si confronteranno su quella che promette di essere una delle applicazioni con maggiori potenzialità di sviluppo nel settore degli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (Apr).

INFO – L’evento ha ricevuto il patrocinio del Ministero dell’Agricoltura, Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Enac e Ansv. La partecipazione è gratuita, ma è necessario iscriversi inviando i propri dati a segreteria@romadrone.it. Per maggiori informazioni visita il sito RomaDrone.it

L'agricoltura ha dei nuovi alleati: i droni

L’agricoltura ha dei nuovi alleati: i droni

Leave a Reply