giornata foresta

La Cia a sostegno della “Giornata internazionale delle foreste 2014”

Roma – Sono l’aria, l’acqua, la terra, il clima: le foreste producono l’ossigeno che respiriamo, contribuiscono alla difesa della biodiversità, svolgono un ruolo primario nella salvaguardia del suolo e delle risorse idriche e funzionano come depositi di assorbimento del carbonio. Ecco perché è importante sostenere e proteggere questo patrimonio “verde” a livello globale e locale. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, commentando la “Giornata internazionale delle foreste 2014” proclamata dalla Fao. In Italia le foreste rappresentano una grande ricchezza di diversità biologica e con 12 miliardi di alberi oggi occupano il 34 per cento della superficie territoriale. Ma questo non basta -sottolinea la Cia-. Solo attraverso una corretta gestione delle foreste è possibile garantire tutte le funzioni che queste svolgono.C’è necessità, insomma, di recuperare e di rafforzare la gestione e la manutenzione delle foreste, anche perché costituiscono una delle principali risorse per lo sviluppo delle aree rurali e montane – continua la Cia – e sono fonti straordinarie non solo di ossigeno, ma di occupazione, reddito e materie prime rinnovabili.giornata_internazionale_foreste logo

Agricoltori in prima fila – Un compito che sembra cucito addosso agli agricoltori e selvicoltori. Non solo perché il 40 per cento circa delle aziende del settore è interessato da boschi, ma anche perché già oggi gli agricoltori sono in prima linea nella salvaguardia del patrimonio forestale italiano, fungendo da “guardiani” del territorio contro gli incendi e il degrado dei versanti e da “custodi” delle tradizioni del mondo rurale – conclude la Cia -. Di conseguenza si candidano naturalmente ad essere parte attiva nella gestione delle foreste, e quindi del “polmone verde” del Paese.

Leave a Reply