blackout

Dopo il Blackout del Bellunese dei giorni scorsi, il Ministro Zanonato, cerca una soluzione con in rappresentanti delle istituzioni

Roma – Si è svolto ieri presso il Ministero dello Sviluppo Economico l’incontro tra il Ministro Flavio Zanonato, i rappresentanti della Regione Veneto, della Protezione Civile, della Provincia e della Prefettura di Belluno e i rappresentanti di Enel e Terna. Il Ministro ha voluto effettuare un approfondimento riguardo ai disservizi verificatisi nei giorni scorsi nel Bellunese e in parte dell’arco dolomitico dopo le eccezionali nevicate che hanno provocato danni alle reti di distribuzione e trasmissione elettrica e conseguentemente seri problemi alla popolazione.Dopo aver ascoltato le diverse relazioni tecniche presentate dai partecipanti all’incontro, il Ministro ha individuato alcune soluzioni per migliorare la prevenzione e comunque attenuare i disagi in presenza di una eventuale, nuova emergenza meteorologica. Tali ipotesi verranno approfondite in base alle relazioni delle imprese concessionarie e degli enti e definite in un nuovo incontro tecnico che sarà convocato nelle prossime settimane.Camera - question time

Nuovi corridoi elettrici – Tra le soluzioni individuate, emerge in primo luogo la necessità di avviare la realizzazione, peraltro prevista dai piani di sviluppo della rete già  approvati da questo stesso Ministero, degli interventi di rafforzamento strutturale della rete di trasmissione, anche incrementandone la magliatura, e di distribuzione. Il Ministro ha poi indicato nell’aumento delle fasce di asservimento dei cosiddetti “corridoi elettrici”, compatibilmente con le esigenze dei territori interessati, una possibile soluzione contro i disservizi causati dalla caduta degli alberi sulle linee elettriche aeree. Sarà anche valutata la possibilità di un’estensione delle utenze obbligatorie per i gruppi di continuità al fine di garantire una sempre maggiore sicurezza per i cittadini e per le imprese.Durante l’incontro il Ministro Zanonato, ha rivolto un ringraziamento particolare ai volontari e a tutti i tecnici di Enel e Terna per il lavoro svolto in territori impervi e in condizioni spesso proibitive e per l’impegno messo a ridurre nel più breve tempo possibile i disagi per le comunità colpite dai disservizi. Il Ministero dello Sviluppo Economico continuerà a monitorare la situazione, in stretto contatto con la Regione Veneto, con gli operatori elettrici e con tutti i soggetti istituzionali coinvolti. Saranno inoltre migliorati i piani di coordinamento per gli interventi sul territorio, in caso di emergenza legata al maltempo, anche potenziando le comunicazioni

Leave a Reply