car2go-a-roma

Citta sostenibili, presentato a Roma il nuovo servizio di car sharing

Roma – Il car sharing “flusso libero” di Car2go sbarca a Roma. Dal giorno 15 marzo saranno a disposizioni dei cittadini di Roma le prime 300 Smart, che diventeranno 500 entro la fine di marzo. A presentare l’iniziativa, il sindaco Ignazio Marino, l’assessore alla Mobilità e Trasporti Guido Improta, il Ceo di Car2go Europe Gmbh Thomas Beermann e il presidente di Italia Car2go, Gianni Martino. “Lo avevamo detto – sottolinea il sindaco Marino – , all’inizio del nostro mandato, vogliamo una città che rispetti l’ambiente e per questo una delle strategie che vogliamo mettere in campo è quella dello sharing delle auto e delle biciclette. Con Car2go abbiamo ottenuto in pochi mesi un risultato importante, un sistema di trasporto diverso che non implica la proprietà del veicolo e che ridurrà la circolazione di quelli privati. Un obiettivo prioritario per la salute delle persone, per i nostri spazi urbani e per la migliore vivibilità della città”.car2go

Come funziona – Il car sharing “a flusso libero” permette di prelevare e riconsegnare la vettura in qualsiasi luogo, senza stazioni dedicate, coprendo un’area di 100 chilometri quadrati all’interno del Gra. Le auto possono essere noleggiate in qualsiasi momento, perché il servizio è attivo 24 ore su 24 e sette giorni su sette. È possibile iscriversi presso la fermata della metro Cipro, nei punti Atac oppure online.  Il pagamento del servizio si può effettuare tramite carta credito o carta prepagata. “Il traguardo di oggi è frutto di una procedura amministrativa partita il 16 gennaio e che in meno di due mesi è arrivata alla sua conclusione”, ha spiegato l’assessore Improta. I clienti della Capitale, poi, potranno utilizzare il servizio anche a Milano e viceversa. Non esiste un utilizzo minimo dell’auto, mentre quello massimo è fissato in 48 ore. Dopo la registrazione, con una semplice app per smartphone si avvia la ricerca dell’auto più vicina, che si aprirà con il badge in dotazione.“Spero, ha concluso il sindaco Marino, che molti romani e romane si innamorino di un modo diverso di spostarsi e di concepire l’auto: non averla in proprietà ma utilizzarla solo se e quando serve”

Leave a Reply