galaxy-s6-boeing-01-638x425

Batterie al litio causa di disastri aerei? Negli USA dal panico si passa ai divieti

Sempre più diffusa negli States la paura per la presenza di batterie agli ioni di litio ricaricabili nelle stive di aerei passeggeri, dopo che uno studio ha dimostrato possono causare incendi ed esplosioni capaci di distruggere un aereo. “Crediamo che il rischio è immediato e urgente”, ha diro, citando lo studio, è stata Angela Stubblefield, della Federal Aviation Administration.
La Federal Aviation Administration ha inoltre rilasciato un avviso di sicurezza, sollecitando le compagnie aeree a comunicare ai passeggeri di non mettere le batterie al litio di riserva nel loro bagaglio, ma di tenerle nel bagaglio a mano, e in una custodia protettiva per evitare il corto circuito. Sulla stessa linea direttiva anche WestJet Airlines e Air Canada.
Le batterie agli ioni di litio sono utilizzate per alimentare tutto da smartphone a computer portatili, sono note per la loro capacità di mantenere la carica per tempi prolungati, poichè contengono più energia.

Anche Boeing e Airbus hanno avvertito le compagnie aeree passeggeri dei rischi emersi dai test FAA.
Dallo scorso mese di dicembre, Transport Canada ha vietato il trasporto di batterie a litio nelle stive degli aerei passeggeri, in base ai criteri stabiliti dall’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO), l’agenzia delle Nazioni Unite che regola l’aviazione civile.

Il rischio è che possano surriscaldarsi e prendere fuoco. e come ha detto il portavoce di Transport Canada Mélany Gauvin in una e-mail, “Questi incendi sono difficili da spegnere e producono fumi tossici.”

E proprio le batterie al litio potrebbero essere la causa della sparizione del volo Malaysian Airlines MH370 l’8 marzo 2014.
Pare infatti che nella stiva dell’aereo ci fosse uno stock di 200 batterie Motorola agli ioni di litio, che secondo l’esperto di metallurgia e materiali canadese Victor Ettel, sarebbero state coinvolte in un incendio sviluppatosi vicino al MEC e si sarebbero decomposte, generando fumi tossici e rilasciando fluoro e arsenico che avrebbero fatto perdere conoscenza ai due piloti.

Leave a Reply