IRENA AFRICA 2030

Africa 2030: il continente che rinascerà grazie alle rinnovabili

L’ultimo rapporto di IRENA (International Renewable Energy Agency) Africa 2030 fornisce una roadmap completa della transizione energetica del continente africano e mette in luce la strada da percorrere per il rilancio economico del continente.

Entro il 2030, secondo il rapporto, l’Africa potrebbe facilmente generare il 22% del proprio fabbisogno energetico attraverso fonti di energia rinnovabile. Questo significherebbe quadruplicare la produzione di energia rispetto ad oggi, quindi maggiore indipendenza, crescita dei villaggi rurali, rilancio dell’economia industriale e attrazione di fondi internazionali.

Secondo il direttore generale di IRENA, Adnan Amin “L’Africa detiene alcune delle migliori risorse energetiche: biomasse, fonti geotermiche, idriche, solari ed eoliche”.

Secondo la roadmap lo sfruttamento di energia solare può essere implementato praticamente in tutto il continente, mentre lo sviluppo di biomasse e di fonti idroelettriche può interessare maggiormente le zone centrali e meridionali del continente. L’eolico presenta enormi potenzialità nel nord, e nelle zone orientali e meridionali del continente, mentre la Great Rift Valley ha un significativo potenziale geotermico.

Dal punto di vista economico, le rinnovabili rappresentano il modo più economico per sviluppare nuovi business, inoltre, la costruzione di infrastrutture per il trasporto di energia comporterebbe, da qui al 20130, un risparmio di 70 miliardi di dollari. Alla luce di questi dati IRENA sprona i governi nazionali a creare le condizioni che aiutino lo sviluppo delle rinnovabili attraverso un quadro normativo adeguato ed un piano di investimenti che massimizzi le opportunità esistenti.

Il rapporto di IRENA, tra l’altro mette in evidenza alcuni esempi virtuosi di realtà industriali africane che, sfruttando le rinnovabili, stanno contribuendo a cambiare il futuro dell’Africa, ve ne riportiamo alcuni:

Solar sisters: un’impresa tutta al femminile che vende al dettaglio lampade portatili che funzionano ad energia solare. Opera nell’Africa sub-sahariana, specialmente nelle zone rurali.

ISAAC solar icemaker è un’azienda in grado di produrre, sfruttando l’energia solare, fino a 50 kg di ghiaccio al giorno che servono a tenere freddi fino a 100 litri di latte. L’azienda opera in Kenya ed ha dato forte impulso a tutta la filiera produttiva del latte.

Per maggiori informazioni: http://www.irena.org/

Leave a Reply