stop_biocidio

A Napoli il Ministro dell’Ambiente Orlando e il sindaco Luigi De Magistris insieme per la Terra dei Fuochi

luigi_de_magistrisNAPOLI – Al convegno dell’Unione Industriali, tenutosi oggi a Napoli, presso Città della Scienza, non poteva mancare l’argomento ‘Terra dei Fuochi’. L’immagine che politici e giornali delineano, infatti, velata da una mancata conoscenza reale dei fatti, sto rovinando le produzioni delle aziende campane, danneggiando tutte le industrie che utilizzano terreni che non sono contaminati dai veleni. Al convegno di stamattina era presente il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando, che ha manifestato la volontà di “ascoltare istanze e indicazioni che possono ulteriormente migliorare il provvedimento”, dato che il decreto è ancora in fase di conversione. “I militari – dice il Ministro – possono partire da subito”, mentre, per quanto riguarda le bonifiche, i mezzi “ci sono e credo ci sia bisogno di un coordinamento più efficace. Mi pare che il decreto individuale linee guida.”

LE PAROLE DEL SINDACO – Presente al convegno anche il primo cittadino di Napoli, Luigi De Magistris, che ha invitato il Ministrostop_biocidio dell’Ambiente a “lavorare insieme a noi per togliere per sempre ai nostri territori l’immagine di ‘Terra dei fuochi.” Ha dichiarato inoltre il sindaco partenopeo: “Trovo ingiusto che si faccia una generalizzazione complessiva dei nostri territori come contaminati, tantissimi imprenditori nell’agroalimentare hanno investito in questi anni e producono a km zero e i loro prodotti sono oggi colpiti profondamente dall’immagine complessiva della ‘Terra dei fuochi’. Il decreto legge è il primo passo chiedo a Orlando di mettere da parte le problematiche politiche e di unirci tutti per aiutare Napoli e la Campania”. De Magistris, nel suo discorso, ha additato la recente inchiesta della rivista “L’Espresso”, dal titolo “bevi Napoli e poi muori”, come uno degli atti che più hanno danneggiato l’immagine dei prodotti campani. Ha detto il primo cittadino che da quando è uscita questa inchiesta “siamo stati inondati da lettere degli operatori turistici che volevano sapere se c’erano pericoli a lavarsi i denti nei nostri alberghi.” Ma, “nonostante questo – ha voluto ricordare il sindaco – Napoli è piena di turisti.”

Leave a Reply